Lucio Pomelli - Associazione PENELOPE MARCHE

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Lucio Pomelli

Persone Ritrovate



Lucio Pomelli, 49 anni, si allontana da Ancona il 10 ottobre 2015 con la sua auto senza dare più notizie di sé. Cinque giorni dopo la scomparsa (15 ottobre) l’auto dell’uomo, una Ford Fiesta di colore bianco, viene ritrovata davanti al cimitero di Sirolo (An). Viene successivamente avvertita la mamma che denuncia la scomparsa ai Carabinieri di Ancona dando così inizio alle ricerche. All’interno dell’auto vengono ritrovati alcuni oggetti personali tra cui le chiavi di casa, ma non il cellulare. Carabinieri, Vigili del Fuoco, Soccorso Alpino e Forestale si mettono per tre giorni alla ricerca di Lucio via terra, sul Monte Conero, e via mare. Vengono esplorati dai sommozzatori anche i fondali a ridosso della scogliera del Conero per ritrovare l’uomo. Lucio, affetto da disturbi psicologici, era solito partire per qualche tempo e poi ritornare a casa. Passano giorni e nessuna traccia dell’uomo. Su disposizione della Prefettura di Ancona le ricerche vengono interrotte. I familiari, dopo lo stop delle ricerche istituzionali,  fanno espletare una battuta di ricerca agli uomini del SASM Marche (Soccorso Alpino Speleologico) sulla zona del Conero, ma senza esito. Viene interpellata anche la trasmissione “Chi l’ha visto?” per un appello sul caso. Sabato 13 febbraio 2016 la macabra scoperta. Viene fiutato un cadavere casualmente da un cane condotto da due escursionisti loretani nella zona del Passo del Lupo all’altezza delle Due Sorelle. I due avvertono le Forze dell’Ordine. I Carabinieri di Osimo giungono sul posto e nei pantaloni della vittima trovano un cellulare con tanto di scheda sim. Gli uomini dell’Arma pensano subito che i resti siano di Lucio Pomelli. Vengono informati i familiari del ritrovamento del cadavere, che si trova in avanzato stato di decomposizione, per l’identificazione. L’accertamento autoptico ha stabilito che la morte è derivata dall’impatto seguito ad una caduta in cui l’uomo ha riportato varie fratture, tra cui quella dello sterno.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu